Quartiere,  Urbanistica

Piazza Dergano, perché non avere paura di una riqualificazione necessaria

Sono passati anni di progetti, di attese “tattiche” ma finalmente il momento è arrivato. La piazza avrà una nuova e definitiva riqualificazione che non si fermerà soltanto al suo perimetro, ma che si estenderà anche nelle vie limitrofe, coinvolgendo la pavimentazione, zone verdi e pedonali e ridefinendo la viabilità della zona, certo non senza qualche critica degli abitanti di quartiere.

Una riqualificazione che non deve spaventare.

I problemi che Dergano ha vissuto negli ultimi anni non possono magicamente sparire con una piazza tirata a lucido, ma ogni intervento di bonifica urbana porta necessariamente con se delle migliorie “accessorie” ed una propensione minore al degrado urbano, come l’abbandono di rifiuti e la sciatteria con cui vengono vissuti gli spazi pubblici.

Certo, ci sarà qualche posto auto in meno, ma in una visione strategica di città che vive di quartieri e nei quartieri, forse questa è una rinuncia necessaria.

Render della nuova piazza
Il progetto con le migliorie urbane

Per completezza, citiamo l’articolo ufficiale del comune di Milano in cui vengono spiegati, nel dettaglio, tutti gli interventi:

Piazza Dergano è stata la prima “Piazza Aperta” di Milano e una delle realizzazioni più apprezzate dai cittadini, sede di combattuti tornei di ping-pong in tutte le stagioni dell’anno. Nel 2018 l’area precedentemente occupata da sosta impropria è stata pedonalizzata, prevedendo alcune modifiche alla viabilità. L’intervento definitivo ricalca gli obiettivi raggiunti con la sperimentazione: creazione di spazi pedonali più ampi e fruibili tramite la sopraelevazione delle strade a quota marciapiedi; riqualificazione delle pavimentazioni con materiali di maggior pregio; inserimento di nuovi elementi di arredo urbano quali panchine, fioriere ed alberature.
Le strade interessate dagli interventi sono via Ciaia da piazza Dergano fino a via Guerzoni, via Guerzoni fino a viale Jenner, via Bruni, tutta piazza Dergano compreso il tratto stradale limitrofo, via Cesare Brivio, Conte Verde e dei Carafa.

Il cantiere partirà lunedì 30 novembre e sarà organizzato in due fasi. Già in queste ore è in corso la posa dei cartelli in via Guerzoni per avvisare i cittadini. Via Ciaia e il tratto di via Guerzoni tra via Ciaia e via Cafiero verranno sopraelevate a quota marciapiede; la strada sarà protetta e separata dalle aree pedonali tramite l’inserimento di alberature in fioriera, panchine, rastrelliere per biciclette e dissuasori tipo “parigine” che avranno anche funzione di disincentivare la sosta irregolare sul marciapiede. La pavimentazione sarà in cubetti in pietra e i cordoli in calcestruzzo delle aiuole esistenti saranno sostituiti con altri in granito.
Nel tratto tra via Cafiero e viale Jenner verrà messo un senso unico di marcia in direzione viale Jenner per consentire la sosta su un lato della carreggiata. Gli stalli di sosta saranno quindi sul lato opposto della via rispetto a quello attuale, così come in via Bruni per favorire la svolta a destra su via Cafiero, che verrà resa a doppio senso di marcia nel breve tratto compreso tra via Butti e via Bruni. La fine dei lavori di questa prima fase è prevista per aprile.

La seconda fase, dell’intervento, che durerà circa 200 giorni, riguarda piazza Dergano e le vie Tartini, Brivio, Conte Verde e dei Carafa. Anche in piazza Dergano verrà sopraelevata la strada a quota marciapiede e verranno ridisegnate le aiuole degli alberi situati a nord della piazza, inserendoli all’interno di un’area più ampia con pavimentazione in calcestre. Verrà mantenuto il passaggio stradale tra via Tartini a via Conte Verde con una strada larga 2,75 metri che consentirà anche l’accesso all’unico civico con passo carrabile presente su questo lato. La strada sarà protetta da nuove alberature in aiuola e con “parigine”. Ulteriori alberi verranno inseriti a nord della piazza e i cordoli delle aiuole esistenti saranno uniformati.

Un’ulteriore area in calcestre verrà ricavata sul lato est della piazza, vicino alla curva che porta da via Brivio a via Conte Verde con la posa di nuove alberature. La riqualificazione di piazza Dergano prevede inoltre lo spostamento della postazione di bike sharing sul lato ovest, verso via Tartini, per favorire l’accesso dei ciclisti e dare più sicurezza all’area. La fermata ATM della linea 82 che dà su via Tartini, direzione sud-nord, verrà spostata in conseguenza all’allargamento del marciapiede. La pavimentazione delle aree della piazza sarà in cubetti in pietra ad eccezione delle zone previste a verde o in calcestre. In via Tartini saranno allargati i marciapiedi e sulla carreggiata saranno poste due castellane per una maggiore sicurezza stradale. In corrispondenza della rotatoria sarà eliminato lo spartitraffico centrale. In via Conte Verde la sosta già presente sarà strutturata e ristretto il marciapiede lato civici pari per mantenere anche la sosta in linea. In via Brivio gli interventi comporteranno gli allargamenti dei marciapiedi tranne che in corrispondenza degli stalli di sosta, è prevista la moderazione della velocità e l’inserimento di due attraversamenti pedonali protetti per favorire il transito in sicurezza in prossimità del parco. In via dei Carafa sarà infine invertito l’attuale senso di marcia.