• Quartiere,  Urbanistica

    Ospedale Bassi, l’ex lazzaretto pieno di storia

    Dergano alla fine del 1800 non era altro che un pugno di case e cascine a Nord di Milano, una zona abbastanza lontana dal centro cittadino e toccata dai venti. Una posizione strategica e utile dove il comune di MIlano, dopo la tremenda epidemia di vaiolo del 1893, decise di iniziare la costruzione dell’Ospedale Bassi, specializzato nella cura e nel contenimento delle malattie infettive. In sostanza, quello che è poi stato il vero e ultimo lazzaretto di Milano. Il progetto originale prevedeva una separazione interna degli ambienti, secondo le diverse malattie ma soprattutto una zona “franca” di passaggio e disinfezione che arrivava fino all’uscita retrostante lungo Viale Jenner, dove erano…

  • Quartiere,  Urbanistica

    Piazza Dergano, perché non avere paura di una riqualificazione necessaria

    Sono passati anni di progetti, di attese “tattiche” ma finalmente il momento è arrivato. La piazza avrà una nuova e definitiva riqualificazione che non si fermerà soltanto al suo perimetro, ma che si estenderà anche nelle vie limitrofe, coinvolgendo la pavimentazione, zone verdi e pedonali e ridefinendo la viabilità della zona, certo non senza qualche critica degli abitanti di quartiere. Una riqualificazione che non deve spaventare. I problemi che Dergano ha vissuto negli ultimi anni non possono magicamente sparire con una piazza tirata a lucido, ma ogni intervento di bonifica urbana porta necessariamente con se delle migliorie “accessorie” ed una propensione minore al degrado urbano, come l’abbandono di rifiuti e…

  • Accoglienza e sociale,  Iniziative e attività,  Persone,  Quartiere,  Urbanistica

    Storia di un quartiere autentico

    tessuti urbani, come le maglie di una ragnatela, si ampliano o si ritirano. Oppure si fondono con quelli limitrofi, trasformandosi in elementi dotati di nuova identità. Altre volte, come nel caso di Dergano (mi raccomando l’accento sulla “e”) subiscono così tante trasformazioni da fondersi e integrarsi con il resto della città. Ma non del tutto. Nonostante l’esponenziale crescita demografica, i flussi migratori, le fabbriche che hanno preso il posto di campi, marcite e cascine, nonostante tutto Dergano ha conservato un suo Io. Nel quartiere, raggiungibile scendendo alla fermata omonima della M3 e con i bus 70 e 82, è rimasta una forte volontà di prendersi cura del proprio territorio. Qui opera il più alto numero…